Cinema, Recensioni

Sopravvissuto – The Martian

(Articolo aggiornato all’11 Gennaio 2016) Vincitore di due Golden Globes e protagonista della Awards Season 2016: parliamo di “Sopravvissuto – The Martian”, film diretto da Ridley Scott.

La salvezza è a soli 225 milioni di km di distanza

Durante una missione su Marte, l’astronauta e botanico Mark Watney (Matt Damon) viene considerato morto dopo una forte tempesta e per questo abbandonato dal suo equipaggio, guidato dal comandante Melissa Lewis (Jessica Chastain). Ma Watney è sopravvissuto e ora si ritrova solo sul pianeta, desertico e ostile. Ferito e con scarse provviste, deve attingere al suo ingegno, al suo coraggio  e al suo spirito di sopravvivenza per trovare un modo per segnalare alla Terra che è vivo. Dalla base spaziale, l’arguta Mindy Park (Mackenzie Davis) e il team di Vincent Kapoor (Chiwetel Ejiofor) comprendono per primi i messaggi lanciati da Watney. A milioni di chilometri di distanza, la NASA e un team di scienziati internazionali – tra cui il direttore dell’agenzia spaziale Teddy Sanders (Jeff Daniels), la perspicace Annie Montrose (Kristen Wiig) e l’esperto Mitch Henderson (Sean Bean) – lavorano instancabilmente per cercare di portare “il marziano” a casa, mentre i suoi compagni tentano di tracciare un’audace, se non impossibile, missione di salvataggio.

Tra fantascienza e intrattenimento, il ritorno di Ridley Scott

Negli ultimi anni abbiamo assistito (finalmente) a un’inversione di tendenza: il ritorno della fantascienza al Cinema. Dopo alcuni passi falsi – in particolare di produzione statunitense tra fine anni ’90 e inizio anni 2000 – lo sci-fi ha avuto un periodo di crisi ma prima con “Avatar” (2009) e “Prometheus” (2012) – per la verità più film d’avventura – poi con Gravity di Cuarón e soprattutto il capolavoro di Christopher Nolan, Interstellar” (qui la recensione), c’è stato il rilancio. Nel 2015, eccoSopravvissuto – The Martian”.
Tratto dal romanzo di Andy Weir, alla regia ritroviamo uno dei cineasti più esperti del panorama internazionale, Ridley Scott, già autore di film come “Alien” (1979), “Blade Runner” (1982), “Thelma & Louise” (1991), “Il Gladiatore” (2000) e “American Gangster” (2007), ma pure di altre pellicole di grande livello. Peccato che, a mio parere, da un pò di tempo a questa parte il nostro Ridley avesse intrapreso una parabola fortemente discendente, con titoli non pienamente riusciti come “Nessuna verità” (2008), “Robin Hood” (2010) e il già citato “Prometheus” (2012), il disastroso “The Counselor” (2013) e il discusso “Exodus – Dei e Re” (2014). Ma Scott, tornando ancora sul genere sci-fi, questa volta ha ritrovato sé stesso.
Infatti, “The Martian” non punta tanto all’approfondimento dal punto di vista scientifico, quanto all’intrattenimento puro. Certo, ci sono alcuni momenti nei quali ci si sofferma su Watney che deve organizzare la propria vita su Marte (per la prossima missione passeranno circa quattro anni!) e oltre alle tecniche che adotta egli stesso, vediamo quelle che utilizza la NASA per riuscire a trovare una soluzione per riportarlo sulla Terra. In ogni caso, però, il film punta molto sul cast, sulla presa spettacolare e sulle emozioni che gli avvenimenti raccontati riescono a trasmettere. Infatti, ci si appassiona praticamente subito alle (dis)avventure di Mark, sula sua solitudine forzata che trasforma in possibilità di scoprire un modo letteralmente inesplorato, sul quale le missioni esplorative non hanno dato ancora risposte complete e la sopravvivenza sembra impossibile. Non per Watney: che riorganizza le scorte alimentari, mediche e tecniche, costruisce un laboratorio nel quale coltivare patate, e calendario alla mano stabilisce le proprie attività. Finché dalla Terra la base spaziale non entra in contatto con lui… anche se tutto non è semplice come, dopo un primo momento critico, può apparire.
A questo vanno aggiunte le ricostruzioni dello spazio, un ottimo utilizzo della scenografia e degli effetti visivi, che si integrano con precisione. Senza voler fare per forza confronti recenti con Gravity e Interstellar, ma qui siamo in una via di mezzo: tra la perfezione visiva in grafica computerizzata (ma ‘vuota’, senza emozioni) del film di Cuarón e la tecnica manuale e digitale che giunge anch’essa alla perfezione (e trasmette invece forti emozioni) del capolavoro di Nolan. Lo spazio in “The Martian” è ‘soltanto’ un luogo dove si sviluppa la storia, non sovrasta i personaggi che invece convivono dentro a esso, la descrizione è essenziale e soprattutto funzionale al film.

Un cast… stellare

Il primo aspetto che ho notato quando ho iniziato a scoprire “The Martian” è stato esattamente questo: IL CAST. Ditemi voi se da un film che ha tra gli interpreti Matt Damon, Jessica Chastain, Kristen Wiig, Jeff Daniels, Chiwetel Ejiofor, Michael Peña, Aksel Hennie, e #muoiosempreio Sean Bean oltre agli emergenti Kate Mara, Alexander Stan, Mackenzie Davis non ci si possa aspettare il massimo. Ciascuno nel proprio ambito di scena, tutti insieme regalano armonia e descrivono benissimo i propri personaggi. Peraltro, anche grazie a tali attori brillanti il film, che in alcuni momenti è ironico e si alleggerisce, mantiene la propria misura e dimensione.

In definitiva, gli elementi che rendono Sopravvissuto – The Martian” tra i film migliori della stagione, ma anche degli ultimi tempi, vi sono davvero tutti. E le affermazioni di Matt Damon (Miglior Attore in un film Commedia/Musicale) e della pellicola (Miglior Film Commedia/Musicale) ai Golden Globes di questi giorni sono dei meritati riconoscimenti.

 

Il voto di “Ieri, Oggi, Domani”

3-stelle-e-mezzo

Finalmente Ridley è tornato! A 78 anni Scott è ancora maestro nel riuscire a dare un ritmo pazzesco a questo film. Fra i più spettacolari titoli di fantascienza degli ultimi anni, alterna benissimo momenti più leggeri ad altri drammatici.

 

La Scheda del film

“Sopravvissuto – The Martian” (The Martian), regia di Ridley Scott – USA 2015 – Fantascienza, Azione
interpreti principali e personaggi: Matt Damon (Mark Watney), Jessica Chastain (Melissa Lewis), Kristen Wiig (Anne Montrose), Chiwetel Ejiofor (Vincent Kapoor), Jeff Daniels (Teddy Sanders), Mackenzie Davis (Mindy Park), Kate Mara (Beth Johanssen), Sean Bean (Mitch Henderson), Sebastian Stan (Chris Beck), Donald Glover (Rich Purnell), Michael Peña (Rick Martinez), Aksel Hennie (Alex Vogel), Naomi Scott, Jonathan Aris (Brendan Hatch), Enzo Cilenti, Lili Bordán, Geoffrey Thomas (Presidente USA)
Soggetto: tratto dal romanzo di Andy Weir
Sceneggiatura: Drew Goddard
Montaggio: Pietro Scalia
Fotografia: Dariusz Wolski
Scenografia: Arthur Max
Costumi: Janty Yates
Casting: Carmen Cuba, Nina Gold
Musica: Harry Gregson-Williams
Prodotto da Twentieth Century Fox Film Corporation, Scott Free per 20th Century Fox Italia
Formato: a colori, in 2D e 3D
Durata: 140′
Uscita italiana: 1° Ottobre 2015

Giuseppe Causarano
@Causarano88Ibla



8 thoughts on “Sopravvissuto – The Martian”

    1. Grazie! Sì, è un film da non mancare, anche per una serie di citazioni che si scoprono poco alla volta e che non ho citato nel post! E’ un film molto bello, oltre che di grande interesse. Un saluto anche a te 🙂

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...