Liebster Award 2016 – Speciale

Il collega blogger e amico Mario, attraverso il Blog Cinemundto, ha a sua volta ricambiato il mio Liebster Award 2016 assegnandomi il suo, e ponendomi altre undici domande alle quali vado a rispondere.

1) Qual è il tuo regista preferito?
Sono due, come accennavo alle risposte precedenti: Christopher Nolan e Sergio Leone!

2) Qual è il regista più sopravvalutato?
Come avevo risposto in precedenza, anche in questo caso: Gabriele Muccino.

3) Il film più strano che hai visto?
Forse anche perché non è pienamente riuscito, ma “V per Vendetta” non scherza mica… ce ne sono anche altri comunque, in particolare film d’autore che in tv vengono trasmessi a orari improponibili…

4) Il primo film che hai visto al cinema?
Tra i primi in assoluto direi “La bella e la bestia” e “Aladdin”, due classici della Disney di inizio anni ’90; ma il primo film del quale ebbi una piena consapevolezza, da piccolo cinefilo, fu “Jurassic Park” di Steven Spielberg nel 1993!

5) Riuscirai ad unire il tuo blog con il tuo lavoro/studi?
E’ la mia grande speranza; tra l’altro ho avviato un nuovo percorso di studi che dovrebbe darmi un contributo importante da questo punto di vista.

6) Quale motivo ti ha portato ad aprire un blog?
Il desiderio di occuparmi ogni giorno della mia grande passione, il Cinema, unito alla passione per la scrittura e alla voglia di avere un confronto con più persone possibile – amici, colleghi, lettori – su questo argomento.

7) Cosa pensi degli ultimi Oscar?
Devo dire che ho azzeccato i pronostici personali su molti degli Oscar che l’Academy ha assegnato, a partire da “Spotlight” come Miglior Film e per la Miglior Sceneggiatura originale! Sono molto felice poi per Leonardo DiCaprio, un pò dispiaciuto per Jennifer Lawrence ma bravissima Brie Larson, ho preso in pieno la previsione per Mark Rylance e soprattutto Alicia Vikander! Bella conferma per Alejandro González Iñárritu, più per il lavoro d’insieme per “The Revenant” che per altri aspetti, non mi ha catturato quanto invece aveva fatto con “Birdman”. Grande gioia per Ennio Morricone, facili da prevedere i molti premi tecnici per “Mad Max: Fury Road”, personalmente ho azzeccato anche il terzo Oscar di fila per Emmanuel Lubezki e per gli Effetti visivi a “Ex_Machina”. Nota di merito anche a “The Big Short” per la Miglior Sceneggiatura non originale. Una buona edizione degli Oscar secondo me.

8) Quale film uscito tempo fa vorresti rivedere al cinema?
Parlando di un’epoca più lontana, come dicevo in precedenza “Il Buono, Il Brutto, Il Cattivo” e “2001: Odissea nello Spazio”. Dell’epoca recente, prima o poi organizzerò delle proiezioni pubbliche con tutti i film di Nolan riproposti! 😀

9) Cosa ne pensi del digitale, del 3D, di un probabile ritorno alla pellicola (Tarantino, Sorrentino, J.J. Abrams, Scorsese) e dell’IMAX?
Se il digitale può portare un’accessibilità maggiore a chi vuol far cinema, soprattutto con pochi mezzi economici, ben venga e in fondo è il futuro, anche perché ha degli ampi margini di crescita. il 3D lo trovo per lo più inutile e raramente efficace. Invece l’IMAX (altro cavallo di battaglia di Nolan) è uno spettacolo puro, che esalta davvero sia un autore che lo utilizza che lo spettatore che guarda in uno schermo ultrapanoramico. Certo, costa molto, sia in fase di produzione che distribuzione, e in Italia lo sappiamo benissimo, essendo presente in appena due o tre sale (tra cui Melzo e Cinecittà), e quindi, essendo per pochi, resta effimero. La pellicola… bé, il passaggio al digitale ne ha alzato i costi di produzione (essendo molto meno richiesta) ma senza dubbio per un regista, soprattutto se molto tecnico – e oltre quelli che hai citato aggiungo anche Nolan, che anche per il prossimo film ne farà uso – rimane lo “strumento di lavoro” preferito, perché il lavoro che vi si può applicare è ampio e personalizzarne l’utilizzo a proprio piacimento è la passione di ogni autore. E, quando in sala si vede ancora un film in pellicola, lo si apprezza. Anche se le sale di tutto il Mondo, che si stanno per convertire tutte al digitale, vanno in direzione inversa.

10) 5 parole per descrivere il tuo blog.
Ampio, colorato, amichevole, classico, ordinato.

11) La tua citazione preferita
“Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica”
, tratta da “Batman Begins” di Christopher Nolan.

______________

Ma le sorprese non finiscono qui perché anche il caro amico Luca, sul suo Blog Cuore di Celluloide, mi ha assegnato il suo Liebster 2016. Altre undici domande (e risposte) in arrivo!

1) Cinema e poi cena o cena e poi cinema?
Direi Cinema e poi cena. Preferisco vedere sul più presto i film in sala!

2) Il tuo guilty pleasure preferito, ovvero un film che ami ma ti vergogni un po’ a dirlo in giro.
“Notte prima degli esami” di Fausto Brizzi. La prima commedia – e anche l’ultima divertente – del regista romano, che è una delle promesse mancate del cinema italiano di oggi.

3) Il tuo decennio preferito in fatto di Cinema.
Gli anni ’60! Ma anche gli ultimi dieci anni non sono stati affatto male…

4) Cinecomics: Marvel o DC e perché?
Come sai… DC Comics! Perché è la casa del mio personaggio (e supereroe) prediletto, ovvero Batman, e di conseguenza la co-produttrice della Trilogia del Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan…

5) Vai al cinema anche da solo o se non trovi nessuno che ti accompagni ci rinunci?
Se riesco a trovare qualcuno ne sono contento, in caso anche da solo, non è un grosso problema. Poi a volte rinuncio magari per problemi “logistici”…

6) Cinema espressionista tedesco o russo d’avanguardia?
Probabilmente il rag. Ugo Fantozzi è più preparato di me sul tema! In particolare sul cinema russo d’avanguardia. 😀

7) Il film che non ti stancherai mai di riguardare e perché.
“The Dark Knight” di Christopher Nolan. Un film perfetto, sotto ogni profilo: tecnica, scrittura, regia, colonna sonora, tensione drammatica.

8) Sceneggiatura, regia, montaggio, fotografia e colonna sonora: quale di questi elementi ritieni più importante perché un film risulti di tuo gradimento?
A volte un film lo vedo anche solo per riascoltare la colonna sonora, quindi sono particolarmente sensibile a questo aspetto. Anche se ritengo assolutamente imprescindibili la sceneggiatura e la regia, ovvero la struttura portante dell’opera. Senza la qualità di queste, manca quasi tutto!

9) Un film che ti ha fatto ronfare della grossa al cinema.
Devo dire che arrivare al termine di “Alexander” di Oliver Stone è stato davvero complicato…

10) Un film che hai rimosso dalla mente subito dopo l’uscita dalla sala.
Il terzo e il quarto capitolo di “Pirati dei Caraibi“… so che è in arrivo pure il quinto!

11) Prima di scegliere un film da vedere al cinema leggi le recensioni in anteprima, o vai a colpo sicuro informandoti solo su regista e cast?
I film che scelgo di vedere li seleziono quasi tutti per tempo e soprattutto per regista, cast o tema che affronta; le recensioni in anteprima le leggo con piacere (soprattutto di amici giornalisti e colleghi blogger 😉 ), raramente condizionano il fatto che vada o meno a vedere il film, spesso invece mi regalano informazioni utili per la visione stessa di un’opera in sala.

Giuseppe Causarano
@Causarano88Ibla

4 thoughts on “Liebster Award 2016 – Speciale

  1. “V per vendetta” come film più strano. Interessante. 🙂
    Parlando di film ritrasmessi al cinema dopo anni, credo che forse forse potrai gustarti “2001: Odissea nello spazio” fra un paio di anni per il 50esimo anniversario dalla sua uscita. E chissà, magari ci sarà Refn che terrà conferenze stampa su un possibile restauro del film…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...