Cinema

Festival di Cannes 2016, la selezione ufficiale

E’ stato presentato il programma ufficiale del Festival di Cannes 2016, la 69^ edizione della manifestazione francese che anche quest’anno, dall’11 al 22 Maggio, proporrà sulla Croisette tanti film di grande interesse. Ma, purtroppo, non italiani, almeno fra i titoli in Concorso, dove il nostro Cinema resta (a sorpresa) escluso.

Annunciato a Parigi dal Presidente del Festival di Cannes, Pierre Lescure, e dal delegato generale Thierry Frémaux (durante la conferenza stampa iniziata in ritardo per le proteste di alcuni manifestanti che hanno assediato il palco e sono intervenuti portando le loro istanze contro la riforma del lavoro che sta infiammando la Francia, fonte repubblica.it), il programma prevede diverse categorie come di consueto.

Come film d’apertura, fuori Concorso, è stato scelto “Café Society” di Woody Allen, con un cast composto da Jesse Eisenberg, Kristen Stewart, Blake Lively, Steve Carell e Kelly Rohrbach.

In Concorso ecco venti film di autori di grande rilievo, fra cui Nicholas Winding Refn con “The Neon Demon”, Sean Penn con “The Last Face”, Pedro Almodóvar con “Julieta”, Ken Loach con “I, Daniel Blake”, i fratelli Dardenne con “La Fille Inconnue”, Jim Jarmusch con “Paterson”, Paul Verhoeven con “Elle”, Olivier Assayas con “Personal Shopper” e Xavier Dolan con “Juste La Fin Du Monde”. Come detto, fuori il Cinema italiano che non porta neppure un titolo in concorso ed è abbastanza paradossale proprio in un periodo, invece, di evidente ripresa del nostro movimento cinematografico sia dal punto di vista autoriale che produttivo.

C’è invece una bandierina tricolore nella sezione Un Certain Regard, con “Pericle Il Nero” di Stefano Mordini, così come una tra i cortometraggi, ovvero “Il Silenzio” di Farnoosh Samadi e Ali Asgari, e una nella Cinéfondation, con “La Santa che dorme” di Laura Samani, film prodotto del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Andiamo dunque al riepilogo complessivo della Selezione ufficiale del Festival 2016, la cui splendida locandina omaggia “Il Disprezzo” (Le Mépris) di Jean-Luc Godard grazie ad un fotogramma estratto dal film del 1963, tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia e girato tutto in Italia, con gli esterni tra Capri e Sperlonga.

Ricordiamo che nei prossimi giorni verranno svelate anche le opere selezionate per le sezioni parallele al Festival, ovvero la Quinzaine des Réalisateurs e la Semaine de la critique.

 

69° Festival di Cannes, la Selezione ufficiale 2016

In Concorso
“Toni Erdmann” di Maren Ade (Germania)
“Julieta”
di Pedro Almodóvar (Spagna)
“American Honey”
di Andrea Arnold (Gran Bretagna)
“Personal Shopper”
di Olivier Assayas (Francia)
“La Fille Inconnue”
di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne (Belgio)
“Juste La Fin Du Monde” (It’s Only The End Of The World)
di Xavier Dolan (Canada)
“Ma Loute” (Slack Bay)
di Bruno Dumont (Francia)
“Mal de Pierres”
di Nicole Garcia (Francia)
“Rester Vertical”
di Alain Guiraudie (Francia)
“Paterson”
di Jim Jarmusch (USA)
“Aquarius”
di Kleber Filho Mendonça (Brasile)
“I, Daniel Blake”
di Ken Loach (Gran Bretagna)
“Ma’ Rosa”
di Brillante Mendoza (Filippine)
“Bacalaureat”
di Cristian Mungiu (Romania)
“Loving”
di Jeff Nichols (USA)
“Agassi” (The Handmaiden)
di Park Chan-Wook (Corea del Sud)
“The Last Face”
di Sean Penn (USA)
“Sieranevada”
di Cristi Puiu (Romania)
“Elle”
di Paul Verhoeven (Paesi Bassi)
“The Neon Demon”
di Nicolas Winding Refn (Danimarca)

Fuori Concorso
“Café Society” di Woody Allen (film d’apertura) (USA)
“Il Gigante Gentile” (The BFG)
di Steven Spielberg (USA)
“Goksung”
di Na Hong-Jin (Corea del Sud)
“Money Monster”
di Jodie Foster (USA)
“The Nice Guys”
di Shane Black (USA)

Un Certain Regard
“Varoonegi”, di Behnam Behzadi (Iran)
“Apprentice”,
di Boo Jufeng (Singapore)
“Voir du pays”,
di Delphine e Muriel Coulin (Francia) 
“La Danseuse”,
di Stéphanie Di Giusto (Francia)
“Eshtebak”,
di Mohamed Diab (Egitto)
“La Tortue Rouge”,
di Michael Dudok De Wit (Paesi Bassi)
“Fuchi ni tatsu”,
di Fukada Koji (Giappone)
“Omor Shakhsiya”,
di Maha Haj (Israele)
“Me’ever laharim vehegvaot”,
di Eran Kolirin (Israele) 
“After the Storm”,
di Kore-Eda Hirokazu (Giappone)
“Hymyileva mies”,
di Joho Kuosmanen (Finlandia)
“La larga noche de Francisco Sanctis”,
di Francisco Marquez e Andrea Testa (Argentina) 
“Caini”,
di Bogdan Mirica (Romania)
“Pericle il nero”,
di Stefano Mordini (Italia)
“The Transfiguration”,
di Michael O’Shea (USA) 
“Captain Fantastic”,
di Matt Ross (USA)
“Uchenik”,
di Kirill Serebrennikov (Russia)

Séances De Minuit
“Gimme Danger” di Jim Jarmusch (USA)
“Bu-Sang-Haeng” (Train To Busan) di Yeon Sang-Ho (Corea del Sud)

Séances Spéciales
“L’ultima spiaggia” (The Last Resort) di Thanos Anastapoulos (Grecia), Davide Del Degan (Italia)
“Hissein Habré, Une Tragédie Tchadienne” (Hissein Habré, A Chadian Tragedy) di Mahamat-Saleh Haroun (Ciad)
“Exil” di Rithy Pahn (Cambogia)
“La Mort De Louis XIV” (Last Days of Luois XIV) di Albert Serra (Spagna)
“La cancre” di Paul Vecchiali (Francia)

La Compétition Des Courts Métrages 2016
“La laine sur le dos” di Lotfi Achour (Francia), 15′
“Dreamlands” di Sara Dunlop (Gran Bretagna), 14′
“Timecode” di Juanjo Gimenez (Spagna), 15′
“Imago” di Raymund Gutierrez (Filippine), 15′
“Madre” di Simón Mesa Soto (Svezia, Colombia), 14′
“A Moça Que Dançou Com O Diabo” (The Girl Who Danced With The Devil) di João Paulo Miranda Maria (Brasile), 14′
“Aprés Suzanne” di Felix Moati (Francia), 15′
“4:15 p.m. Sfarsitul Lumii” (4:15 p.m. The End of The World) di Catalin Rotaru, Gabi Virginia Sarga (Romania), 15′
“Il Silenzio” (The Silence) di Farnoosh Samadi, Ali Asgari (Italia), 15’
“Fight on a swedish beach” di Simon Vahlne (Svezia), 14′

La Sélection Cinéfondation 2016
“In The Hills” di Hamid Ahmadi (Gran Bretagna), 21′
“Submarine” di Mounia Akl (USA), 21′
“A Nyalintás Nesze” (The Noise Of Licking) di Nadja Andrasev (Ungheria), 9′
“Toate Fluville Curg În Mare” (All Rivers Run to the Sea) di Alexandru Badea (Romania), 24′
“Ailleurs” (Somewhere) di Mélody Boulissère (Francia), 6′
“Gabber Lover”  
di Anna Cazenave Cambet (Francia), 13′
“The Alan Dimension”
di Jac Clinch (Gran Bretagna), 8′
“Poubelle” (Trash)
di Alexandre Gilmet (Belgio), 19′
“Dobro” (Fine)
di Marta Heraniz Pidal (Bosnia e Erzegovina), 15′
“La Culpa, Probablemente” (The Guilt, Probably)
di Michael Labarca (Venezuela), 14′
“Las Razones Del Mundo” (The Reasons of The World)
di Ernesto Martínez Bucio (Messico), 37′
“1 Kilogram”
di Park Young-Ju (Corea del Sud), 29′
“Aram”
di Fereshteh Parnian (Francia), 17′
“Gudh” (Nest)
di Saurav Rai (India), 28′
“La Santa che dorme” (The sleeping Saint)
di Laura Samani (Italia), 19′
“Bei Wind Und Wetter” (Whatever The Weather)
di Remo Scherrer (Svizzera), 11′
“Anna”
di Or Sinai (Israele), 24′
“Business”
di Malena Vain (Argentina), 20′

Si ringrazia il sito ufficiale del Festival: festival-cannes.fr

Giuseppe Causarano
@Causarano88Ibla

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...