Cinema

Auguri di Buon Compleanno a Sophia Loren: 80 anni di un Mito


Auguri di Buon Compleanno a Sophia Loren, che compie 80 anni! Un Mito italiano, che è ancora oggi un’icona di stile e classe.

Nata a Roma il 20 Settembre 1934 come Sofia Villani Scicolone, è cresciuta a Pozzuoli, in provincia di Napoli, ed infatti la cultura e le tradizioni napoletane sono una parte fondamentale nella vita di Sophia, che porterà sempre con sé.
Dopo aver partecipato a numerosi concorsi di bellezza e aver affrontato le prime esperienze nel mondo del Cinema, conosce il produttore Carlo Ponti che le farà firmare un accordo pluriennale per averla nei suoi film e sarà l’inizio di una lunga carriera; e, in breve tempo, nasce anche una storia d’amore, che li porterà al matrimonio negli anni ’50 dal quale avranno due figli, Carlo Jr. e Edoardo.
Dopo le prime apparizioni, arriva la notorietà soprattutto con “Miseria e Nobiltà” (1954) e “Il segno di Venere” (1955); ma in “L’Oro di Napoli” (1954) viene diretta per la prima volta da Vittorio De Sica, che ritroverà come attore anche in “La bella mugnaia” (1955) – dove lavorerà anche con Marcello Mastroianni – e in “Pane, Amore e…” (1956). Arrivano intanto i primi ruoli in film stranieri, e soprattutto statunitensi, tra i quali “Il ragazzo sul delfino” (1957), “Orgoglio e Passione” (1957) e “Orchidea Nera” (1958), ma anche “Un marito per Cinzia” (1958) e “La baia di Napoli” (1960).

Nel 1960, Vittorio De Sica la dirige in “La Ciociara”, un’interpretazione di grande intensità e drammaticità che premia Sophia con l’Oscar e il BAFTA, così come Nastro d’argento, David e Premio per la Miglior Attrice a Cannes, e il Golden Globe, tra gli altri riconoscimenti, per il film.
Il maestro De Sica la dirige ancora in “I sequestrati di Altona” e nell’episodio “La riffa” in “Boccaccio ’70” (1962), ma soprattutto in “Ieri, Oggi, Domani” (1963), con Marcello Mastroianni. Opera che conquista il Premio Oscar per il Miglior film straniero e consegna Sophia in maniera definitiva all’immaginario collettivo di donna sensuale, di carattere e dal fascino eccezionale. Tre episodi, con i ruoli di Adelina a Napoli, Anna a Milano e Mara a Roma che ritraggono la contemporaneità come pochi. Insieme a Mastroianni, diverranno una delle coppie più celebri, e forse insuperabili, della storia del Cinema.
Ed è anche la pellicola il cui titolo mi ha ispirato per il nome di questo Blog. Aggiungendo una “e” per dare più risalto al “Domani” ma anche perché mai sarebbe potuto essere esattamente identico al titolo del film.

Con “Matrimonio all’italiana” (1964), ispirato all’opera teatrale “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo, e diretto da Vittorio De Sica e sempre con Marcello Mastroianni accanto, Sophia ci regala un’altra interpretazione che la candida per la seconda volta all’Oscar, che stavolta non vince (così come il film). Ma è ormai l’attrice italiana più conosciuta all’estero, al pari di Anna Magnani e Alida Valli, le due celebrità più importanti dei decenni del dopoguerra. De Sica la dirigerà ancora in “I girasoli”, con Mastroianni, nel 1968 e ne “Il viaggio” (1974), ultima opera del maestro. Tra fine anni ’60 e inizio anni ’70, Sophia lavora ancora molto negli USA, ad esempio in “Arabesque” di Stanley Donen (1966) e “La Contessa di Hong-Kong” di Charlie Chaplin (1967) e in Italia, e sempre con Marcello co-protagonista ricordiamo “La moglie del prete” di Dino Risi (1970), film che suscitò molto scalpore per il tema trattato.
Nel 1977, Ettore Scola dirige Sophia e Marcello nel capolavoro “Una giornata particolare”, una storia struggente e drammatica ambientata il 6 Maggio 1938, giorno dell’arrivo di Hitler nell’Italia fascista, nel quale i due personaggi principali, Antonietta e Gabriele, cercano di trovare una speranza rispetto al contesto oppressivo dell’epoca, ma non potranno salvarsi dal triste destino e dal vivere in una società dalla deriva totalitaria.

Negli anni successivi, Sophia continua ad alternarsi tra Italia ed estero, per stabilirsi poi dopo il 1977 negli Stati Uniti (dopo alcuni problemi legali di Ponti) e spostarsi infine a Ginevra nel 2007. Tra numerose partecipazioni a film e mini-serie tv e qualche apparizione al Cinema, ad esempio in “Prêt-à-Porter” di Robert Altman nel 1994 sempre insieme a Marcello Mastroianni (due anni prima della sua scomparsa), nel 1991 riceve il Premio Oscar alla carriera, che oggi prosegue, raccogliendo riconoscimenti e omaggi in tutto il Mondo per quanto ci ha regalato in tutti questi anni.

Ricapitoliamo dunque, in breve, la sua storia cinematografica:

come Sofia Scicolone
“Cuori sul mare”, regia di Giorgio Bianchi (1950)
“Il voto”, regia di Mario Bonnard (1950)
“Tototarzan”, regia di Mario Mattòli (1950)

come Sofia Lazzaro
“Le sei mogli di Barbablù”, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
“Luci del varietà”, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950)
“Lebbra bianca”, regia di Enzo Trapani (1951)
“Io sono il Capataz”, regia di Giorgio Simonelli (1951)
“Milano miliardaria”, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
“Il padrone del vapore”, regia di Mario Mattòli (1951)
“Il mago per forza”, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
“Era lui… sì! sì!”, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
“Anna”, regia di Alberto Lattuada (1951)
“È arrivato l’accordatore”, regia di Duilio Coletti (1952)
“Il sogno di Zorro”, regia di Mario Soldati (1952)
“La favorita”, regia di Cesare Barlacchi (1952)
“La tratta delle bianche”, regia di Luigi Comencini (1952)

e, come Sophia Loren, in:
“Africa sotto i mari”, regia di Giovanni Roccardi (1953)
“Aida”, regia di Clemente Fracassi (1953)
“Ci troviamo in galleria”, regia di Mauro Bolognini (1953)
“La domenica della buona gente”, regia di Anton Giulio Majano (1953)
“Un giorno in pretura”, regia di Steno (1953)
“Carosello napoletano”, regia di Ettore Giannini (1954)
“Il paese dei campanelli”, regia di Jean Boyer (1954)
“Due notti con Cleopatra”, regia di Mario Mattòli (1954)
“Tempi nostri”, regia di Alessandro Blasetti (1954)
“Miseria e nobiltà”, regia di Mario Mattòli (1954)
“Pellegrini d’amore”, regia di Andrea Forzano (1954)
“Attila”, regia di Pietro Francisci (1954)
“L’oro di Napoli“, regia di Vittorio De Sica (1954)
“Peccato che sia una canaglia”, regia di Alessandro Blasetti (1954)
“La donna del fiume”, regia di Mario Soldati (1954)
“Il segno di Venere”, regia di Dino Risi (1955)
“La bella mugnaia”, regia di Mario Camerini (1955)
“Pane, amore e…”, regia di Dino Risi (1955)
“La fortuna di essere donna”, regia di Alessandro Blasetti (1955)
“Il ragazzo sul delfino” (Boy on a Dolphin), regia di Jean Negulesco (1957)
“Orgoglio e passione” (The Pride and the Passion), regia di Stanley Kramer (1957)
“Timbuctù” (Legend of the Lost), regia di Henry Hathaway (1957)
“Desiderio sotto gli olmi” (Desire Under the Elms), regia di Delbert Mann (1958)
“La chiave” (The Key), regia di Carol Reed (1958)
“Orchidea nera” (The Black Orchid), regia di Martin Ritt (1958)
“Un marito per Cinzia” (Houseboat), regia di Melville Shavelson (1958)
“Quel tipo di donna” (That Kind of Woman), regia di Sidney Lumet (1959)
“Il diavolo in calzoncini rosa” (Heller in Pink Tights), regia di George Cukor (1960)
“Olympia” (A Breath of Scandal), regia di Michael Curtiz (1960)
“La baia di Napoli” (It Started in Naples), regia di Melville Shavelson (1960)
“La miliardaria” (The Millionairess), regia di Anthony Asquith (1960)

“La ciociara”, regia di Vittorio De Sica (1960)
“El Cid”, regia di Anthony Mann (1961)
“Madame Sans-Gêne”, regia di Christian-Jaque (1961)
“Boccaccio ’70”, episodio “La riffa”, regia di Vittorio De Sica (1962)
“Il coltello nella piaga” (Le couteau dans la plaie), regia di Anatole Litvak (1962)
“I sequestrati di Altona”, regia di Vittorio De Sica (1962)

“Ieri, oggi, domani”, regia di Vittorio De Sica (1963)

“Matrimonio all’italiana”, regia di Vittorio De Sica (1964)
“La caduta dell’impero romano” (The Fall of the Roman Empire), regia di Anthony Mann (1964)
“Operazione Crossbow” (Operation Crossbow), regia di Michael Anderson (1965)
“Lady L”, regia di Peter Ustinov (1965)
“Judith”, regia di Daniel Mann (1966)
“Arabesque”, regia di Stanley Donen (1966)
“La contessa di Hong Kong” (A Countess from Hong Kong), regia di Charlie Chaplin (1967)
“C’era una volta…”, regia di Francesco Rosi (1967)
“Questi fantasmi”, regia di Renato Castellani (1967)
“I girasoli”, regia di Vittorio De Sica (1970)
“La moglie del prete”, regia di Dino Risi (1970)
“La mortadella”, regia di Mario Monicelli (1971)
“Bianco, rosso e…”, regia di Alberto Lattuada (1972)
“L’uomo della Mancha” (Man of La Mancha), regia di Arthur Hiller (1972)
“Il viaggio”, regia di Vittorio De Sica (1974)
“L’accusa è: violenza carnale e omicidio” (Verdict), regia di André Cayatte (1974)
“La pupa del gangster”, regia di Giorgio Capitani (1975)
“Cassandra Crossing” (The Cassandra Crossing), regia di George Pan Cosmatos (1976)

“Una giornata particolare”, regia di Ettore Scola (1977)
“Angela”, regia di Boris Sagal (1978)
“Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova, si sospettano moventi politici”, regia di Lina Wertmüller (1978)
“Obiettivo Brass” (Brass target), regia di John Hough (1978)
“Bocca da fuoco” (Firepower), regia di Michael Winner (1979)
“Prêt-à-Porter”, regia di Robert Altman (1994)
“That’s Amore – Due improbabili seduttori” (Grumpier Old Men), regia di Howard Deutch (1995)
“Soleil”, regia di Roger Hanin (1997)
“Cuori estranei” (Between Strangers), regia di Edoardo Ponti (2002)
“Peperoni ripieni e pesci in faccia”, regia di Lina Wertmüller (2004)
“Nine”, regia di Rob Marshall (2009)
Doppiatrice italiana per “Cars 2”, regia di Brad Lewis e John Lasseter (2011)
“La voce umana” (mediometraggio), regia di Edoardo Ponti (2013)

Per la televisione:
“Breve incontro” (Brief Encounter), regia di Alan Bridges (1974)
“Qualcosa di biondo”, regia di Maurizio Ponzi (1984)
“Madre Coraggio” (1986)
“Mamma Lucia“, regia di Stuart Cooper (1988)
“La ciociara”, regia di Dino Risi (1989)
“Sabato, domenica e lunedì”, regia di Lina Wertmüller (1990)
“Francesca e Nunziata”, regia di Lina Wertmüller (2001)
“La terra del ritorno”, regia di Jerry Ciccoritti (2004)
“La mia casa è piena di specchi” regia di Vittorio Sindoni (2010)
Giuseppe Causarano

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...